Un ritratto di Arsinoe III a Palazzo Te a Mantova: alcune considerazioni