Recensione a GIOVAN BATTISTA MARINO, Rime lugubri