In principio fu la rima? Riflessioni su "Digitale purpurea", tra lingua e metro