Progressione del danno perimetrico in buon compenso tonometrico: caso clinico