Riforme omeopatiche e ossessione maggioritaria