Stress ossidativo, demenza e invecchiamento: i confini incerti di un continuum biologico di difficile valutazione