Machiavelli e Hume tra scrittoio e tavolo da gioco