Il “Repertorio nazionale di canti per la liturgia” della Chiesa italiana: prime osservazioni per una verifica letteraria e teologica