Il serpente e il cavaliere: piacere e 'sophrosyne' in Filone di Alessandria