«La clemenza di Tito» e la fortuna di Beregan: sorti di un’opera e del suo librettista