L'"innocenza infame". Esegesi di un concetto tra Berna, Güllen e il nostro mondo