Qualche considerazione su un leonardesco eccentrico: Francesco Napoletano