“Marginalia” della memoria. Le postille come scrittura autobiografica