La Chiesa non cerca «privilegi», ma il «sufficiente spazio di libertà», per svolgere la propria «missione in campo religioso» per il «bene comune». L’istituto concordatario nel magistero di Giovanni Paolo II