Le sinfonie d’opera di Bellini: considerazioni analitiche