La lettura dei classici a Bologna, Padova e Pavia fra Tre e Quattrocento