Dai «cilapponi» alla «povera gent»: realismo grottesco e tragico nel teatro milanese di fine Ottocento