Sebastiano Timpanaro tra filologia classica, letteratura italiana e psicoanalisi. In margine ad un recente volume