De André «trovatore» e la lezione di Brassens