Menandro (e Aristofane) ad Alessandria: qualche riflessione