Danno epatico da ischemia-ripefusione e glutatione: implicazioni per i potenziali donatori d'oragn