Il «metodo stabile» per regolare il Collegio dei nobili di Parma ad inizi Settecento