Sulla recezione dei modelli classici nella pittura vascolare etrusca