Sull'elaborazione delle "Faville del maglio"