"Il giorno del giudizio" di Salvatore Satta: la possibilità di un romanzo impossibile