Verso una psicoterapia di gruppo cognitivo-costruttivista?