Il 'libero stile' di Gente di mare