Sulla struttura dei ‘canzonieri’ nel Cinquecento