La luce che abbaglia: una metafora sulla inconoscibilità di Dio in Filone di Alessandria